.
Annunci online

  CentraLaSolidarieta ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COLOGNO AL SERIO BERGAMO
 
POZZO D'ACQUA - CHIRUNDU, ZAMBIA
 


distributori di acqua gratis al campino durante la festa


" Fare di ogni erba un fascio è un errore banale, dire che un fascio è un fascio è un dovere morale"

Troviamo i bambini


LA COSA PEGGIORE NON è LA VIOLENZA DEGLI UOMINI MALVAGI, MA IL SILENZIO DEGLI UOMINI ONESTI...
Martin Luther King



    non voglio dimostrare niente, voglio mostrare - Federico Fellini
www.arcoiris.tv


“Parmi un assurdo, che le leggi, che sono l'espressione della pubblica volontà, che detestano e puniscono l'omicidio, ne commettano uno esse medesime, e, per allontanare i cittadini dall'assassinio, ne ordinino uno pubblico”

Cesare Beccaria



VISITA LA SEZIONE PENA DI MORTE A COLOGNO AL SERIO BG 



"DAME TU APOYO Y MOVERE' EL MUNDO" 


Clicca 


.Possono bruciare i nostri corpi, non possono distruggere le nostre idee esse rimangono per i giovani del futuro, per i giovani come te ricorda figlio mio la felicità dei giochi non tenerla tutta per te cerca di comprendere con umiltà il prossimo, aiuta il debole aiuta quelli che piangono aiuta il perseguitato, l'oppresso loro sono i tuoi migliori amici. NICOLA SACCO



Italian Blogs for Darfur 

“Secondo te l'Africa è molto lontana?", chiede un bambino a un amico. "No, non molto" risponde l'altro. "Ma sei sicuro?" "Certo. Io ho un compagno di classe africano: ha detto che viene dalla Costa d’Avorio e tutte le mattine arriva a scuola in bicicletta!”


contatti associazione 
 
peggimarco@gmail.com  

sito internet
www.centralasolidarieta.org

video denuncia della situazione carceraria Boliviana, progetto Qalauma "Giovani trasgressori"
See RealPlayer format - ADSL 
See Windows Media Player format - ADSL



 


 appello per Dante De Angelis 

Sign for Campagna di Solidarietà a Dante De Angelis.




11 marzo 2010

Notizie dallo Zambia

SEGNALI DI SPERANZA

L'esecutivo zambiano ha deciso di proporre degli emendamenti al codice penale per tutelare maggiormente i diritti femminili che quotidianamente vengono calpestati. A spiegare il progetto è stata Sarah Sayifwanda, ministro delle Pari opportunità e delle donne nello sviluppo, ricordando che lo Zambia possiede ancora un elevato tasso di violenza contro le donne e le bambine. Il ministro, che ha partecipato a New York a una sessione della Commissione delle Nazioni unite sulla condizione femminile, ha inoltre reso noto che il governo zambiano ha deciso di varare un nuovo Piano di azione nazionale contro la violenza sessista, una delle principali piaghe del Paese, e di istituire un Fondo per l'emancipazione economica dei cittadini.

Le donne – racconta Letizia Antognazza che vive i Zambia da quattro anni e lavora nell'ambito della cooperazione internazionale e in quello missionario – sono dominate in ogni aspetto della vita e la violenza contro di loro è la norma. La campagna del governo è un buon segnale e mi auguro che porti a dei risultati concreti e che non sia solo propaganda”. Per le strade di Lusaka e delle principali città zambiane sono stati affissi degli enormi cartelli, prodotti con finanziamenti internazionali, nel tentativo di bloccare la spirale di violenza contro le donne. “I cartelloni – spiega Letizia – ritraggono uomini nell'atto di commettere violenze sulle donne, accompagnati da scritte del tipo: «Fermati, potrebbe essere tua figlia o tua madre». Il problema è che che hanno una grafica molto occidentale e soprattutto sono in pochi a poterli leggere. Da quando vivo in Zambia ho visto capitare dei fatti allucinanti. Bambine violentate dal proprio padre, perché disobbedienti. A determinare questi comportamenti non è la cultura tradizionale, ma la miseria”.

In Zambia circa il 70 per cento della popolazione vive con meno di un dollaro al giorno e sarebbe proprio la miseria, secondo la cooperante, a far scattare le violenze . Violenze che si consumano soprattutto nelle città, dove il disagio sociale è molto forte. “In Zambia – dice Letizia- c'è una diseguaglianza economica e sociale fortissima. Si trovano persone ricchissime e altre che non hanno nulla. Abbandonano le campagne per trasferirsi in città, pensando di trovare una vita migliore. Ma così non è. Spesso molti uomini iniziano a bere e, quando tornano nelle baracche ubriachi, sfogano la loro rabbia contro mogli e figlie. Ho lavorato con AbcZambia, una onlus che si occupa di educazione, che aveva aperto una scuola per bambini orfani o comunque provenienti da ambiti disagiati. Molte bimbe erano state abusate e, come ovvio, era molto faticoso farle parlare, sfogarsi”. Nonostante i tanti episodi discriminanti verso le donne, qualcosa sta cambiando positivamente nel Paese africano e si inizia a prendere coscienza della dignità della donna. “C'è una generazione di giovani – conclude Letizia – che ha maggiore sensibilità, sta modificando la propria vita di coppia e ha maggiore considerazione della dignità femminile. Lo Zambia è un Paese con tanti problemi, ma non è fermo e si sta muovendo per risolverli”.

Benedetta Guerriero (PeaceReporter)




permalink | inviato da c'entra la solidarieta' il 11/3/2010 alle 10:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


23 febbraio 2010

Zambia - Chirundu

Pozzo d'Acqua per il Villaggio della Vita

In Zambia, presso la cittadina di Chirundu, sul confine con lo Zimbawe, coopera ormai da diversi anni, Suor Anna Redolfi, di Cologno al Serio. Suor Anna, e le altre Suore di Chirundu, si occupano dell'ospedale presente in città e delle visite ai malati nei vari villaggi che si trovano nel territorio di loro competenza.

Negli ultimi anni è stato realizzato, con lo scopo di aiutare i bambini di strada, un "Villaggio della Vita"; all'interno di questo "villaggio" 5 mamme zambesi si occupano della crescita e dell'insegnamento di circa 100 bambini e ragazzi, attraverso lo studio e la realizzazione di piccoli lavori quali orto e falegnameria.

Durante l'anno 2009, in collaborazione con il gruppo missionario e su richiesta di Suor Anna, abbiamo realizzato un pozzo d'acqua proprio all'interno di questo "Villaggio della Vita"; la richiesta ci è pervenuta perchè l'anno prima una sessantina di questi 100 bambini ospitati nelle strutture sono stati colpiti da colera.




permalink | inviato da c'entra la solidarieta' il 23/2/2010 alle 18:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     febbraio       
 

 rubriche

Diario
ALTRI PROGETTI
RIUNIONI E APPUNTAMENTI
FILMATI E DOCUMENTARI
NO ALLA PENA DI MORTE
QUALAUMA, GIOVANI TRASGRESSORI - LA PAZ, BOLIVIA
TUTTE LE ASSOCIAZIONI
BIBLIOTECA, SALA STUDIO - TANDA', COSTA D'AVORIO
DARFUR
PENA DI MORTE A COLOGNO AL SERIO BG
CONTATTI ASSOCIAZIONE
CONTAINER IN THE WORLD
IL TAPPO SOLIDALE
LINEA ELETTRICA - MUHURA, RWANDA
LIBRI A TEMA
ACQUA BENE COMUNE
CHIAPAS
NEL MONDO
POZZO D'ACQUA - CHIRUNDU, ZAMBIA

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

centro servizi volontariato bg
forum italiano movimenti per l'acqua
ass. disabili bergamaschi
link per la pace
amnesty italia
arcoiris la tv indipendente
il blog di beppe grillo
reporter per la pace
amref
war news conflitti nel mondo
greenpeace italia
legambiente
parco del serio
emergency
medici senza frontiere
luogo comune
niente scuse
mov.laici america latina
in-differenza no razzismo
ragazzi net
movimento non violenti
ente naz. prot. animali
reporter dall'africa
telefono azzurro
kossi komla ebri scrittore migrante
internet per i diritti umani
unicef
commercio equo/solidale
banca etica
poesie per la pace
urlo di parole
edizioni stelle cadenti
verita' e giustizia g8 genova
federico aldrovandi
peppino impastato 100 passi
nanodiagnostics
ritmi africani
C'ENTRA LA SOLIDARIETA'
criticalshirts
coalizione contro la pena di morte
skype telefonare gratis
vikipedia enciclopedia on line
la folkeria
musicattiva
manitese
rete lilliput
amicizia italo-palestinese
la mia spesa per la pace!
risorse etiche
osservatorio della legalita' onlus
reti invisibili
survival
amici del popolo guaranì
MANITESE
yanapakuna onlus
salviamo Emanuele Lo Bue
rwandando il blog dal Rwanda

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom